Indietro

C H E S-C I A F F A



Bela ciossa ben carossada
tuta impiturada, tuta profumada;
l'era la sentada al bar e fin che la fumava
la me vardava e mi la vardava

Quando tuto de un colpo la se alza in pié
la se alza in pie', la se alza in pié
la se volta e la me dise: " Scusi, che ora è?"
mi ghe fò: "Jè le tre, posso ofrirghe un cafè?"

"Si, grazie" la risponde, alora mi ho pensà
ghe semo, l'è fata, forse la ghe sta
quando le robe le se imbarca ben
basta poco,basta poco, basta anca un cafè!

No m'era mai capità, che stropa, che stropa
no m'era mai capità, che stropa che ho catà

Così finchè se beve se ciacola 'na nina
e ghe l'avevo li così vissina
me la squadravo tuta dai pié ala boca
maria santissima che toco de stropa

intanto passa uno che me da' un urton
che me da' un urton, el me da' un urton
l'è stada massa forte la tentassion
no so se ho fato aposta: g'ho palpà un galon

No m'era mai capità, che s-ciaffa, che s-ciaffa
no m'era mai capità, che s-ciaffa,
che s-ciaffa che ho ciapà

Cioè no digo, vecio, 'ste robe le me ciapa
ste robe le me ciapa ma cossa ho ciapà?
cioè no digo vecio, 'ste robe le me ciapa
ma cossa ho ciapà? na s-ciaffa in facia!

No m'era mai capità, che s-ciaffa, che s-ciaffa
no m'era mai capità, che s-ciaffa che ho ciapa'.....
Indietro
Page URL: http://www.petols.it
Copyright , Castellazzi/Erlati
Webmaster: Renato Castellazzi
Revised: 24/sept/2001